Caro energia, Cna Salerno: "Così si spegne l'Artigianato", le proposte – SalernoToday

Intanto il “caro bollette” e le misure di sostegno alle imprese sono al centro dell’impegno politico dell’onorevole Piero De Luca che domani, giovedì 1 settembre alle 10:30, illustrerà le proposte del Partito Democratico per fronteggiare la crisi energetica
Aleggia forte preoccupazione, nel mondo delle piccole e medie imprese artigiane, per via dei rincari statali. Lo sanno bene parrucchieri, estetiste, ceramisti, orafi, meccatronici, carrozzieri e tutta la categoria che trova una voce ed un grido d’allarme dai rappresentanti della Cna di Salerno. All’unisono con i vertici nazionali, anche da Salerno, l’associazione che rappresenta gli artigiani con il presidente territoriale Lucio Ronca chiede subito di estendere gli aiuti anche alle piccole imprese dell'artigianato. Desta preoccupazione l'imminente decreto energia che punta solo sulle aziende ad alto consumo energetico.
“La corsa senza fine dei costi energetici sta avendo un impatto devastante sul settore manifatturiero e per le aziende che si occupano di servizi alla persona, con moltissime piccole imprese che non possono trasferire sui clienti i maggiori oneri – e ha aggiunto- si pensi a parrucchieri, estetiste ma anche ceramisti, orafi oltre che meccatronici e carrozzieri. Un aumento eccessivo dei costi energetici per queste attivita è la seria minaccia di chiusura delle saracinesche. Sono necessari interventi robusti e strutturali per scongiurare un lockdown delle botteghe artigiane”.
“Diversi colleghi hanno registrato aumenti più del doppio dell’importo medio – incalza Massimo Selce, alla guida degli Acconciatori Cna Salerno- questa cosa ci mette in grave pericolo. Si preannuncia il rischio chiusura e molti già stanno immaginando di lavorare in nero, senza pensare a quante clienti rinunceranno ad una piega quando cominceranno ad aumentare le spese famigliari”. Stesso discorso vale anche per le estetiste, per le quali la presidente Maria Santoriello parla di aumento del 100% dei costi che ha già tentato di abbattere con l’uso di lampade a Led ed altri accorgimenti. “La proposta può essere quella di avere un credito di imposta a fronte dell aumento di questo costo” suggeriscono dalla categoria della bellezza. Ed i disagi e le preoccupazioni aumentano se si ascoltano categorie dove c’è un consumo energetico maggiore come nel caso dei ceramisti. L’uso dei forni per la cottura comporta dei consumi elevati di energia che si stanno triplicando. Le bollette adesso stanno arrivando mensilmente quindi apparentemente si pensa che non ci sia stato aumento ma se si sommano gli ultimi tre mesi ci si rende conto che i costi sono triplicati. Una bolletta di 1500 euro mette in crisi una bottega artigiana. Ancora peggio per quei ceramisti, un po' più strutturati, che hanno il forno a gas. Ed infine il comparto dell’auto riparazione dove il presidente Giuseppe Bacco, fa notare che anche non a fronte di grossi consumi da un anno all’altro i costi sono raddoppiati. 
Il "caro bollette" e le misure di sostegno alle imprese sono al centro dell'impegno politico dell'onorevole Piero De Luca che domani, giovedì 1 settembre alle 10:30, illustrerà le proposte del Partito Democratico per fronteggiare la crisi energetica, a margine di un incontro presso l'azienda "A.Sada & figli" sita in via Pacinotti a Pontecagnano. Saranno presenti all'incontro il Presidente Antonello Sada ed il Presidente del Consorzio Asi Antonio Visconti.
 
© Riproduzione riservata

source

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Solo prodotti Italiani
Logo
Reset Password
Shopping cart