La blockchain per le imprese artigiane, un caso tutto italiano – Blockchain4Innovation


Le storie di Savio Firmino e Apuana SB contraddicono l’idea che l’innovazione tecnologica, e in particolare quella di frontiera, riguardi esclusivamente le aziende di grandi dimensioni. Entrambe, infatti, incarnano esperienze imprenditoriali legate all’artigianato di eccellenza made in Italy che in Toscana ha una lunga tradizione distrettuale. Savio Firmino è stata fondata nel 1941 a Firenze e oggi prosegue nella produzione di oggetti di arredamento in legno innestando su questa forma d’arte classica una serie di innovazioni che puntano a conservarne la genuinità. Tra le tecnologie su cui la società sta lavorando in partnership con centri di ricerca e altre imprese, rientrano ad esempio realtà virtuale e realtà aumentata nel progetto Colux, piattaforma di co-design finanziata dall’Unione europea che mette a disposizione degli utenti uno strumento digitale evoluto per l’arredamento degli interni. Quella di Apuana SB è stata una trasformazione ancora più radicale, poiché fa riferimento a una startup nata dalle ceneri di un’impresa familiare di Carrara specializzata in precedenza nella lavorazione del marmo. Le due storie si sono incrociate grazie alla prossimità geografica e al ricorso alla blockchain.
Indice degli argomenti
Di ritorno dall’ultimo Salone del Mobile, che si è tenuto a Milano dal 7 al 12 giugno, Cosimo Savio, presidente della Savio Firmino, racconta l’evoluzione della sua organizzazione alle prese con la tecnologia della catena dei blocchi: “L’anno scorso avevamo portato al Salone un solo progetto come prototipo. Quest’anno siamo riusciti a estendere la blockchain a tutta una serie di prodotti che prima non erano certificati”. Un cammino, quello della tracciabilità delle informazioni, destinato ad abbracciare tutti i processi produttivi, con particolare riguardo a quelle linee di produzione che necessitano più di altre di essere accompagnate da requisiti di assoluta trasparenza. “Abbiamo una collezione di arredi per bambini – esemplifica Cosimo Savio – e desideriamo certificare i vari elementi della collezione, sia dal punto di vista dei materiali utilizzati sia in merito all’utilizzabilità del prodotto”. Avvalersi della blockchain ha anche l’obiettivo di offrire la garanzia al cliente finale che ciò che compra è sia un prodotto originale realizzato con determinate caratteristiche sia parte di quello che la Savio Firmino definisce “circle life”, cioè una sorta di cordone ombelicale con l’azienda che assicura l’autenticità del manufatto nei successi passaggi che dovessero interessarlo, dal restauro all’eventuale rivendita. Non è stato semplice trovare una piattaforma di blockchain in campo manifatturiero. “Si tratta comunque di una tecnologia di nicchia e non tutti i tentativi, come quelli nella moda, si sono dimostrati all’altezza” dice ancora Savio. Poi, circa 2 anni fa, l’incontro con Apuana SB ha segnato la svolta.
È stato Claudio Morelli, insieme all’ingegner Fabio Gatti, a dare vita nel 2019 ad Apuana SB, decidendo di rimarcare già nel nome un’idea di impresa che non si limitasse a redistribuire gli utili, visto che “SB” sta per società benefit. Nello spirito della legge 208 del 28 dicembre 2015, che ai commi 376-384 ha introdotto nel nostro ordinamento questa tipologia di organizzazione, Apuana punta alla crescita digitale delle piccole realtà produttive locali con l’obiettivo di non farle soccombere in un mercato internazionale sempre più competitivo. A tal fine, si avvale di due strumenti: il servizio MyLedger, che si basa sull’utilizzo di codici univoci e di chip elettronici anticontraffazione registrati su di un’infrastruttura informatica di blockchain; una rete informale tra imprese che si occupa di ricerca precompetitiva e del coordinamento incrociando il modello di fabbrica diffusa con i principi dell’open innovation.
Morelli ha portato dentro Apuana tutta la sua esperienza maturata nell’azienda lapidea di famiglia nella realizzazione di basi di marmo per coppe sportive, un’esperienza messa a dura prova nel primo decennio del Duemila dalla concorrenza cinese che l’ha spinto a riconvertire non solo la produzione ma l’intero modello di business. “All’inizio ho creato su una pagina di Facebook un gruppo costituito da una rete non formalizzata di imprese e ho introdotto in questa rete i principi del lean manufacturing” ricorda. Da lì alla blockchain il passo è stato quasi obbligato, tenuto conto che i concetti di incorruttibilità del dato e di tracciabilità delle informazioni trovano nella seconda il loro ambito naturale e, in più, possono rappresentare la leva distintiva per un mercato come quello delle PMI che spesso è trascurato dai big vendor di soluzioni tecnologiche. Oggi Apuana SB ha 22 soci, compreso Savio Firmino, che riflettono a livello di governance la struttura del registro distribuito o Distributed Ledger. Entro la fine del 2022 dovrebbe raggiungere una capitalizzazione che si aggira attorno al milione di euro, a cui vanno aggiunti altri 500 mila euro ottenuti tramite la vincita di bandi pubblici. A dimostrazione del fatto che innovazione tecnologica spinta e mondo dell’artigianato possono stipulare forme di collaborazione proficue e durature.
Sullo stesso argomento:
Loft Italy porta il turismo enogastronomico nel metaverso
Con Metaverso e NFT, EY aumenta l’esperienza della Cantina pugliese Placido Volpone
La blockchain traccia la supply chain dell’olio di palma Unilever
AgriFood: la blockchain per costruire una catena di fiducia farm to fork
IBL BANCA: sprint sull’innovazione con il 60% della fintech Moneytec
Blockchain: i benefici concreti e le applicazioni più promettenti per 27 settori
Finanza decentralizzata, nasce AssoDefi
Blockchain: i benefici concreti e le applicazioni più promettenti per 27 settori
PIAO e Blockchian: continua in Puglia la pratica positiva già avviata da altre Amministrazioni territoriali
Il Comune di Barletta notarizza il proprio PIAO
Applicazioni e design per esperienze immersive nel metaverso: nasce Ultra
La blockchain realizza la servitization in ambito manifatturiero
Blockchain: i benefici concreti e le applicazioni più promettenti per 27 settori
ICT&Strategy S.r.l. – Gruppo DIGITAL360 – Codice fiscale 05710080960 – P.IVA 05710080960 – © 2022 ICT&Strategy. ALL RIGHTS RESERVED
TagsMappa del sito
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici necessari alla navigazione e funzionali all’erogazione del servizio. Utilizziamo i cookie anche per fornirti un’esperienza di navigazione sempre migliore, per facilitare le interazioni con le nostre funzionalità social e per consentirti di ricevere comunicazioni di marketing aderenti alle tue abitudini di navigazione e ai tuoi interessi.
Puoi esprimere il tuo consenso cliccando su ACCETTA TUTTI I COOKIE. Chiudendo questa informativa, continui senza accettare.
Potrai sempre gestire le tue preferenze accedendo al nostro COOKIE CENTER e ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, visitando la nostra COOKIE POLICY.
Tramite il nostro Cookie Center, l’utente ha la possibilità di selezionare/deselezionare le singole categorie di cookie che sono utilizzate sui siti web.
Per ottenere maggiori informazioni sui cookie utilizzati, è comunque possibile visitare la nostra COOKIE POLICY.
I cookie tecnici sono necessari al funzionamento del sito web perché abilitano funzioni per facilitare la navigazione dell’utente, che per esempio potrà accedere al proprio profilo senza dover eseguire ogni volta il login oppure potrà selezionare la lingua con cui desidera navigare il sito senza doverla impostare ogni volta.
I cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.
I cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

source

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Solo prodotti Italiani
Logo
Reset Password
Shopping cart